Sito personale di Giancarlo Ciscato
Architetto, Insegnante di Arte, Programmatore Web,      E-mail: giancarlo.ciscato@cicagi.it
25 Giugno 2017
Domenica ore 5,43








Numero visite:   152814
Username:

Password:
surrealismo
Surrealismo
Dal 1924
Il surrealismo è un movimento artistico che nasce in opposizione al Dadaismo, che ha coinvolto pittura, letteratura e cinema, nato negli anni venti a Parigi.
Il movimento ebbe come principale teorico il poeta André Breton.
Breton fu influenzato dalla lettura dell'interpretazione dei sogni di Freud; dopo averlo letto arrivò alla conclusione che era inaccettabile il fatto che il sogno (e l'inconscio) avesse avuto così poco spazio nella civiltà moderna e pensò quindi di fondare un nuovo movimento artistico e letterario in cui il sogno e l'inconscio avessero un ruolo fondamentale.
Nacque così il surrealismo.
La caratteristica comune a tutte le manifestazioni surrealiste è la critica alla razionalità cosciente, alla ragione e la liberazione delle potenzialità immaginative dell'inconscio per raggiungere un mondo "oltre" la realtà (sur-realtà) in cui veglia e sogno sono entrambe presenti. Il Surrealismo è certamente la più 'onirica' (simile a un sogno, che sembra irreale) delle manifestazioni artistiche, proprio perché dà accesso a ciò che sta oltre il visibile.
Nella pittura comprende immagini nitide e reali ma accostandole tra di loro senza alcun nesso logico.
Il movimento surrealista è stato di gran lunga il più duraturo fra le avanguardie storiche. I principali artisti furono il belga Renè Magritte, gli spagnoli Salvador Dalì e Juan Mirò e il tedesco Max Ernst.
 
Aspetti pittorici
Per quanto riguarda la pittura, il surrealismo diede luogo a due tendenze: una verista e una astratta.
I surrealisti "veristi" si espressero mediante forme e figure che solo apparentemente facevano ricorso alla realtà, perché in effetti essa veniva volutamente deformata e del tutto inventata, sottraendo così l'oggetto dalla sua identità e collocazione consuete (Magritte, Dalí, Ernst). La tendenza "astratta", invece, si affermò con artisti che puntavano a una vera e propria improvvisazione psichica di forme immaginarie. (Mirò)

Artisti ed opere.

L'impero della luce
Renè Magritte
1954
olio su tela - 194x131 cm
Guggenheim, Venezia

Il castello dei Pirenei
Renè Magritte
1959
olio su tela - 200 x 145 cm
Israel Museum, Gerusalemme

La persistenza della memoria
Salvador Dalì
1931
olio su tela, 24 x 33 cm
Museum of Modern Art, New York

Reminescenze archeologiche
dell'Angelus di Millet

Salvador Dalì
1935
olio su tela - 32 x 39 cm
Dalí Museum, St Petersburg, USA

La vestizione della sposa
Max Ernst
1940
olio su tela - 129 x 96 cm
Guggenheim, Venezia


Il carnevale di Arlecchino
Joan Mirò
1924
olio su tela
Albright-Knox Art Gallery, Buffalo

  Home  

© Realizzato da Giancarlo Ciscato