Sito personale di Giancarlo Ciscato
Architetto, Insegnante di Arte, Programmatore Web,      E-mail: giancarlo.ciscato@cicagi.it
19 Agosto 2017
Sabato ore 13,09








Numero visite:   154517
Username:

Password:
Espressionismo
Action Painting
1940
 
L'Action Painting (letteralmente pittura d'azione) chiamata anche espressionismo astratto, è uno stile di pittura nella quale il colore viene fatto gocciolare spontaneamente, lanciato o spruzzato sulle tele, invece che applicato con attenzione.
Fu un movimento artistico statunitense successivo alla seconda guerra mondiale. Fu il primo fenomeno artistico tipicamente americano ad influenzare il resto del mondo e contribuì a spostare radicalmente la capitale artistica da Parigi a New York, e più in generale dall'Europa agli Stati Uniti d'America.
La diffusione delle dittature europee (il fascismo in Italia, il nazismo in Germania e il franchismo in Spagna), aveva favorito l'immigrazione degli artisti in fuga dall'Europa che portarono negli Stati Uniti ogni tendenza artistica: Il Cubismo, il Dadaismo con Duchamp, l'Astrattismo e soprattutto il Surrealismo, che viene spesso considerato il più importante predecessore dell'Action Painting, grazie al concetto della creazione spontanea, automatica o subcosciente.

Fra i più importanti artisti dell'Action Painting abbiamo Jackson Pollock, Willem de Kooning e Mark Rothko.
 
Jackson Pollock
Il pittore Jackson Pollock dipingeva facendo colare dall'alto vernici e colori su supporti di grandi dimensioni (dripping), creando texture di colori diversi.
Egli abolì il quadro col cavalletto poiché disse che, stendendo la tela a terra, gli veniva più agevole girarvi intorno e si sentiva più parte integrante del quadro.
Questa attività spontanea era l'azione del pittore, denominata dripping.
Il pittore lasciava sgocciolare il colore sulle tele, girandoci intorno o camminando su esse, e lasciando semplicemente cadere il colore dove il subconscio mentale vuoleva, quindi lasciando totale libertà alla parte inconscia della psiche.
Per esempio, nei dipinti di Jackson Pollok possiamo spesso trovare mozziconi di sigarette.
Quando creava i suoi dipinti, permetteva a sé stesso di cadere in uno stato di trance nel quale nessun atto conscio doveva manifestarsi; così se aveva l'impulso istintivo di gettare la sigaretta a terra, lo faceva, sia che davanti ai suoi piedi ci fosse un marciapiede, sia anche una tela.
 

Jackson Pollock

Jackson Pollock

Jackson Pollock


Jackson Pollock


Mark Rothko


Mark Rothko


Mark Rothko


Willem de Kooning


Willem de Kooning
  Home  

© Realizzato da Giancarlo Ciscato